Guida all’utilizzo di Facebook

Facebook è il più grande Social Network del mondo, un’invenzione rivoluzionaria che può essere paragonata alla ruota, al telefono o alla radio. Esso ha dato la possibilità di mettere in contatto le persone di tutto il mondo e di avvicinare anche i meno tecnologici ad internet. Ma siamo sicuri di utilizzare davvero bene Facebook e di sfruttarlo per tutte le sue potenzialità?

Ecco alcune delle funzionalità di Facebook e come dovrebbe essere usate secondo i suoi ideatori:

Il profilo personale
Anzitutto biogna ricordare che il profilo personale è riservato alle persone fisiche, per cui tutte quelle aziende, imprese, società, associazioni, ecc che si iscrivono su Facebook con un profilo personale non stanno rispettando le regole del Social Network. Premesso ciò, ecco alcuni suggerimenti per utilizzare al meglio Facebook con il proprio profilo personale:

Nome e cognome: utilizzare il proprio Nome e Cognome e basta. La prima cosa positiva di Facebook è stata proprio quella di poter cercare le persone attraverso il proprio nome e cognome, così da poter cercare ed essere trovati più facilmente da chi ci conosce.

Foto profilo: Metti la tua faccia! (Si chiama Facebook) Ti vergogni? Ti senti brutto? E’ uguale. Metti una tua foto!

Immagine di copertina: l’immagine di copertina ha delle misure ben precise in formato orizzontale, quindi è inutile che si cerchi di inserire immagini chiaramente inadatte, delle quali si vede solo 1/10 sgranato!

Istruzione: inserire la scuola e l’Università che si sono frequentati, l’anno e il corso. Evitare quindi: scuola di merendine, la mia scuola è la strada, ecc..

Lavoro: inserire il nome della propria Società (se già esiste la pagina dell’azienda, vi comparirà tra i suggerimeti) e la mansione. Esso può essere un veicolo per trovare nuovi clienti o per ampliare i contatti con altre persone del settore. Evitare quindi: mangiatore di popcorn, disoccupato a tempo pieno, sono il datore di lavoro di me stesso, campione di tuffi sul divano, ecc..

Luogo: scrivere la propria città, non quella in cui vorresti vivere o nella quale saresti voluto nascere (Miami, Detroit, Narnia, ecc.. a meno che non sia vero!)

Interessi: questa è una sessione importantissima per Facebook, perchè in base ai “mi piace” che mettete, vi si presentano determinati tipi di pubblicità. Se quindi vi compaiono tutti annunci pubblicitari che non vi interessano e vi scocciano, significa che avete fornito male i vostri dati a Facebook.

Informazioni di contatto: sarebbe bene inserire almeno un numero di telefono (anche visibile solo agli amici) in modo che, in caso di emergenza, qualcuno possa trovarlo!

Avvenimenti importanti: Facebook è nato per condividere la propria vita, per cui questa dovrebbe essere una sezione molto movimentata del vostro profilo ed invece è spesso abbandonata. Se non volete parlare di voi e della vostra vita agli altri, usate Whatsapp, oppure abbiate cura di avere solo “veri” amici su Facebook.

Contenuti: Facebook è nato per parlare di voi, per condividere quello che fate durante la giornata ed i vostri pensieri, non per fare le catene di S.Antonio o per condividere post inutili. Postate foto delle vostre vacanze, delle vostre esperienze, dei vostri momenti, scrivete pensieri e considerazioni.

Gli Eventi
Gli eventi sono uno di quegli strumenti d Facebook dal potenziale formidabile ma utilizzati al peggio. Chi infatti non ha mai maledetto tutti quegli inviti ad eventi di cui non ci importava assolutamente nulla? Questo comunque possiamo già limitarlo bloccando gli inviti da parte di chi non ci interessa.
Ecco le best-practices per la gestione di un evento su Facebook:
Titolo dell’evento chiaro e conciso
– Utilizzare un’immagine delle dimensioni adatte allo spazio in cui va inserita.
– Scrivere luogo, data e ora dell’evento
Descrizione chiara e concisa (possibilmente in modo ordinato e formattato)
– Invitare solo le persone che potrebbero essere davvero interessate. (Perchè rompere le scatole allo zio 60enne per invitarlo in discoteca?)

Le Pagine
Qui si trova il peggio del peggio di Facebook!
Le pagine Facebook sono concepite per le attività commerciali ed i personaggi “famosi”. Non rispettano quindi i canoni di Facebook pagine come: Andare a spasso con Balotelli, Essere perduti quando non si trova il cellulare, Quanto ci piace il mare, Tornare sbronzi ogni Sabato ecc..
Nome: La pagina deve avere il nome dell’impresa o del personaggio senza “Pagina Ufficiale” o “Official Page” (per affermare che una pagina è ufficiale ci sono altri modi)

Categoria: Deve essere scelta la giusta sezione a cui appartiene la pagina (che tipo di attività? Che tipo di personaggio?)

Informazioni: Completare più informazioni possibili in modo conciso ed ordinato (su Facebook non va bene scrivere tutta la biografia di 50 pagine)

Contenuti: I contenuti (foto, video, link, pensieri) devono essere prima di tutto di qualità (evitare foto mal riuscite o troppo piccole, video amatoriali, lavori di grafica scadenti, ecc..). Altra cosa molto importante: non appiccicare loghi brutti e approssimativi con il nome della pagina solo per “tutelare” la proprietà dei vostri post!

Inviti: Una volta che la pagina è pronta si possono invitare le persone a seguirla. Regola importantissima: come per gli eventi, anche le pagine hanno il loro pubblico di riferimento. E’ inutile quindi invitare TUTTI i vostri amici solo per fare numero(Se io sono un uomo di 40 anni e mi inviti alla pagina “Jessica – Ricostruzione unghie” cosa pensi di ottenere? Solo che mi hai appena scocciato!). Selezionate dunque accuratamnte gli amici che potrebbero essere interessati e dite loro di aiutarvi con un pò di passaparola.

E’ importante ricordarsi sempre che la pagina su Facebook è una grande occasione per presentarci ai nostri potenziali clienti e può rappresentare una parte importante della nostra immagine sul web e nella testa del nostro pubblico. Essa quindi ha bisogno di essere costantemente aggiornata (ma non più di 2/3 post al giorno interessanti e di qualità), altrmenti è meglio non averla!

I Gruppi
I gruppi, che bello strumento! Peccato per come sono utilizzati. Essi dovrebbero essere concepiti per creare gruppi di dialogo come se fossimo riuniti in una stanza ogni giorno, 24h su 24h. E’ consigliabile quindi iscriversi solo a gruppi di nostro interessi e rispettare alcune semplici regole:
– Non scrivere in MAIUSCOLO!
– Non scrivere poemi
– Non scrivere post per pubblicità (si chiama spam)

Spero che queste indicazioni possano essere d’aiuto, perchè non può esserci ordine nel mondo se non c’è ordine nemmeno su Facebook!

Alex Molina
About Alex Molina

Laureato in Economia e Gestione aziendale presso L'Università degli Studi Roma Tre, specializzazione in Economia e Management (Marketing). Attualmente Web Designer presso AccentoDesign.it